Azienda

Rivolta Ponteggi, la nostra storia.

La Storia dell’azienda Rivolta Ponteggi inizia a Gavirate, in Provincia di Varese, nel 1987. L’azienda era denominata, all’ epoca, “Varese Ponteggi di Rivolta Sergio”. Il settore delle costruzioni era particolarmente florido, anche grazie alla spinta dei Mondiali di Calcio che si sarebbero tenuti in Italia nel 1990.

I piani di lavoro in metallo avevano da poco fatto la loro comparsa nei cantieri edili e stavano definitivamente soppiantando le tavole e le fermapiedi in legno, con grandi benefici in termini di sicurezza e velocità di montaggio.

Nel 1992, l’azienda si trasferisce a Castelletto Ticino, in Provincia di Novara, e trasforma la ragione sociale in quella che è ancora oggi: “Rivolta Ponteggi Srl”.

Grazie alle capacità tecniche e all’ acquisto dei nuovi telai prefabbricati zincati a marchio CETA e MARCEGAGLIA, che prendono il posto dei cavalletti verniciati dal tipico colore grigio o marrone, Rivolta Ponteggi diventa protagonista nei principali cantieri in Piemonte e Lombardia e si spinge anche in altre regioni con l’Hotel Planibel a La Thuile, in valle d’Aosta e le sedi della Banca Popolare di Novara a Genova e Savona. L’azienda inizia così a collezionare i primi lavori di una lunga serie, oggi raccontata attraverso archivi di fotografie divenute storiche.

Nel 1994, la Legge 626 – Dlgs 626/94, ha introdotto maggiori responsabilità da parte dei datori di lavoro in materia di prevenzione e protezione dei rischi connessi all’attività lavorativa: montare un ponteggio non è più un lavoro qualunque, che possono fare tutti, e diventa, così, una attività specializzata nel settore edile, svolta da operai qualificati e appositamente formati. L’Azienda si afferma nel settore, grazie ai suoi oltre 30 dipendenti.

L’azienda nel 2000 si rende necessaria l’apertura di una nuova sede a Santhià, in Provincia di Vercelli, per gestire meglio i cantieri in Liguria e Piemonte, in particolare a Torino, sede delle Olimpiadi Invernali di Torino nel Gennaio del 2006.

Nel 2006 Rivolta Ponteggi si trasferisce nella moderna sede di Comignago (NO): 6.500 mq coperti e un impianto fotovoltaico di 91 Kw, realizzato interamente sulla copertura del magazzino. La filosofia aziendale prevede la realizzazione di cantieri ad un massimo di 150 Km dalla sede per tutelare gli operai e limitare viaggi molto lunghi che incidono sulla resa e sulla attenzione in cantiere, quindi per motivi di sicurezza generale (come specificato anche nel Codice Etico, disponibile nella sezione Download di questo sito).

L’azienda ormai è abbastanza solida per resistere anche alla grande recessione degli anni  2007 – 2008. Recessione che, nel settore edilizia, fino ad allora in forte espansione, fa vittime eccellenti in tutto il Nord Italia. Soprattutto tra le aziende che non  si adeguano alle normative in materia di sicurezza che, da lì in poi, diventeranno – fortunatamente – sempre più esigenti ed efficaci. È il caso del Testo Unico del 9 Aprile 2008 D.Lgs n.81/2008.

La Rivolta Ponteggi continua, nonostante tutto, a realizzare interventi importanti come lo stabilimento Vodafone di Ivrea, il Santuario di Oropa, in Provincia di Biella e il Seminario Arcivescovile di Venegono Inferiore, in Provincia di Varese. C’è tempo anche per importanti opere di beneficenza, come la costruzione di un orfanotrofio a Karunapuram, in India.

Negli ultimi anni Rivolta Ponteggi investe nella formazione di giovani apprendisti da affiancare ai capisquadra più esperti, nell’ adeguamento dei propri mezzi con le nuove tecnologie disponibili e nella creazione di un ufficio tecnico interno per redigere in autonomia, in modo rapido ed efficace, la documentazione di cantiere. 

La novità per l’azienda del 2016 è l’apertura di una terza sede a Chambave, in Valle d’Aosta, che si affianca alle sedi di Comignago e Santhià, scegliendo di lavorare con personale, professionisti e fornitori della Valle d’Aosta. Primo passo di un percorso attraverso il quale intende legarsi a questo bellissimo territorio – alle sue peculiarità, alle persone che lo vivono ogni giorno – per diventare un solido punto di riferimento per l’edilizia valdostana.

Dal 1987, sicuri di arrivare in alto